Primavera a Barcellona: il mare fuori stagione

Ci siamo. Finalmente è arrivato il momento di dire addio a cappotti e sciarpe, rispolverare i costumi da bagno e partire. Clima mite, giornate tiepide e un sole dolce che scalda: la primavera è vicina e tutto intorno a noi ci invita a trascorrere qualche giorno di vacanza.

In una delle tante capitali europee, certo. Ma anche in una città che oltre ad essere una metropoli ha la fortuna di avere acque limpide e cristalline e spiagge di sabbia finissima.

Non è infatti necessario aspettare la stagione balneare per godere delle bellezze della capitale della Catalogna, seconda città più grande della Spagna, dopo Madrid. Con le sue spiagge che si estendono su una costa di 4,2 km e a soli 10 km dal centro città, Barcellona è la destinazione ideale per soggiorni lontani dal caos dei turisti.

In generale, la primavera è un periodo perfetto per divertirsi all’aria aperta, scegliendo tra passeggiate sulla battigia o piacevoli giochi da fare insieme. Tanti, inoltre, i vantaggi di partire ora: le temperature sono già in aumento ma lontane dalla canicola estiva, e l’affluenza è più ridotta al punto da permetterti anche un po’ di intimità. La maggior parte degli stabilimenti balneari riaprono i battenti e ombrelloni e lettini sono già lì ad aspettarti. Il clima dolce si presta per fare escursioni nell’entroterra, visite guidate ai monumenti storici e giornate da trascorrere con i propri figli, amici o il proprio partner nei tanti posti caratteristici di Barcellona.