5 luoghi segreti di Barcellona

Ramblas, Sagrada Familia, Barceloneta. Sono solo alcuni dei luoghi simbolo di Barcellona. Frequentati ogni anno da milioni di turisti, rappresentano la parte più conosciuta del capoluogo della regione autonoma della Catalogna.

Barcellona è, però, molto di più. Bagnata dal mar Mediterraneo, la bellissima città catalana si caratterizza per una pluralità di anime che convivono in un unico territorio e che la rendono così attraente. Esistono a Barcellona luoghi segreti bellissimi che vale davvero la pena visitare. Non rientrano nel solito circuito turistico, ma sono esclusivamente ad appannaggio dei suoi abitanti e di chi ama profondamente questa città. Posti magici che renderanno il vostro soggiorno qui, diverso dal solito e vi faranno immergere in un’altra Barcellona, forse più autentica e vera.

Come recentemente ha illustrato in un articolo il magazine Expedia, sono diversi i luoghi di interesse più insoliti di Barcellona. Da bar a terrazze fino a negozietti di souvenir, si tratta di angoli nascosti dall’incredibile fascino che non deluderanno le vostre aspettative. Da visitare da soli o in compagnia, poco importa: vi restituiranno una parte di Barcellona sconosciuta ai più. Se, dunque, state programmando una vacanza in questa bellissima città spagnola, prendete nota e appuntatevi questi indirizzi, non ve ne pentirete.

Vediamo nel dettaglio i 5 posti nascosti e clandestini più incredibili di Barcellona.

1. Dry Martini

Benvenuti nel luogo clandestino per eccellenza di Barcellona. Si tratta di un bar davvero esclusivo che rimanda ad epoche antiche e che vi faranno sentire come in un film americano. Pensate che per entrare è necessaria una parola d’ordine. Il bar fa parte dei cosiddetti “Speakeasy”, nome con cui in America venivano chiamati i bar clandestini nati nel periodo del proibizionismo, quando non era possibile consumare apertamente bevande alcoliche in bar e ristoranti. Diffusi oggi anche nelle principali città europee, a Barcellona se ne contano circa 40.

Tra questi un posto speciale è occupato dal Dry Martini, uno dei migliori bar della città. Merito di un gin tonic davvero buonissimo. Da qualche tempo il locale ha aperto nel proprio retrobottega uno Speakeasy che ricorda proprio i famigerati locali segreti del Proibizionismo e a cui si accede solo attraverso una parola d’ordine. Attenzione però, la parola cambia regolarmente, ma una volta scoperta ed entrati vi sembrerà di essere tornati nei ruggenti anni ’30.

2. Chi Ton: il negozio di souvenir che non è un negozio di souvenir

Proprio come il Dry Martini, anche il Chi Ton rientra nei luoghi clandestini più suggestivi di Barcellona. A differenza del bar, si tratta di un negozio di souvenir che in realtà al suo interno nasconde una bellissima sorpresa. Per scoprirla dovrete attraversare il locale, non farvi distrarre dai souvenir, e arrivare fino all’ascensore che vi porterà ai piani inferiori fino a un locale sotterraneo: il Chi Ton appunto, uno dei ristoranti asiatici più sofisticati e moderni di Barcellona, che offre deliziosi cocktail, una cucina innovativa, e uno show cooking dal vivo.

Oltre ad essere segreto e nascosto, la particolarità del ristorante risiede nell’essere organizzato in tante piccole isole di cucine con tavoli intorno per i commensali, in modo che non ci siano barriere tra lo chef e i clienti, che hanno l’opportunità di vedere come cucina e chiedergli ciò che desiderano. In questo, all’apparente banale, negozio di souvenir avrete insomma la possibilità di vivere un’autentica esperienza culinaria e allo stesso tempo essere parte di diverse e interessanti attività clandestine in città come concerti, degustazioni di vino, cene insolite. Non perdetelo!