Trasferirsi a  Gran Canaria: la storia di Alessandro

Rimettersi in gioco. E’ quello che ha fatto Alessandro Bagalini, decidendo di trasferirsi a Gran Canaria, l’isola dell’”eterna primavera”, dove è riuscito a trasformare la sua passione per la fotografia e per la natura, nel proprio lavoro. “Sono del parere che, se non si fanno esperienze nella vita, non si impara, conseguentemente, se non si impara qualcosa di nuovo, non si cresce”. E’ questo il principio che l’ha accompagnato in questa nuova avventura.

“Sono nato sotto le Due Torri di Bologna, come il ragù e i tortellini, nel caldo agosto del 1975. Sono cresciuto nei pressi dei Giardini Margherita, dove con il nonno Sergio ho appreso le prime lezioni sulla natura e sulla vita in generale, raccogliendo funghi dopo una pioggia o costruendo fortini con la neve ghiacciata. Scoprendo la passione per tutto quello che “vive”, ho continuato con il nonno a scoprire i fiumi e i laghi della regione, imparando a distinguere i diversi animali e a “sentire” quello che stava per accadere, come una grandinata che ci ammaccò tutta la macchina o una piena del fiume mentre eravamo a pesca. Ad un certo punto della mia vita ho deciso di portare a casa quei momenti e, parlando con mio zio Sergio, grande appassionato di fotografia, fui avviato a quest’arte. Così all’età di 14 anni comprai, con non pochi sforzi, la mia prima macchina fotografica reflex, una Yashica 108MP. Da quel momento non ho più smesso di fotografare soprattutto la natura, i paesaggi e le persone. Da autodidatta, ho imparato le varie tecniche della fotografia e, una volta acquisito un buon bagaglio tecnico, ho cercato di mettere in pratica le capacità professionali apprese negli anni. Per amore e perché mi ritengo un cittadino del mondo, senza comunque dimenticare le mie origini, ho deciso di trasferirmi a Gran Canaria dove, della mia passione per la fotografia e per la natura, ne ho fatto il mio lavoro, cercando sempre di integrarmi rispettando la natura, cogliendo l’istante naturale da immortalare.” (Tratto dal sito web: http://foto.alessandrobagalini.eu).

trasferirsi a gran canaria

Quindi l’amore è uno dei motivi che ti ha spinto a trasferirti a Gran Canaria.

Si, la mia ragazza è di Teide, la seconda città per grandezza di Gran Canaria.

Quali erano i tuoi obiettivi al momento del trasferimento?

Quando sono arrivato pensavo di inserirmi in qualche attività come dipendente, così da percepire uno stipendio “sicuro”, però poi, nella realtà dei fatti, a causa della scarsa disponibilità di posti di lavoro, ho deciso di rilanciarmi come fotografo freelance. Posso ritenermi soddisfatto di questa scelta, poiché, oltre a collaborare con solocanarie.it , un portale dedicato esclusivamente alle vacanze nell’arcipelago canario, mi occupo di reportage sociali come matrimoni, ritratti ed altri servizi del genere. Sul mio sito web http://foto.alessandrobagalini.eu è possibile vedere le mie foto e i miei lavori. Qui a Gran Canaria, se decidi di intraprendere un’attività in proprio è tutto molto più semplice ed economico rispetto all’Italia, basta recarsi presso la Camera di Commercio dove ti spiegano tutto quello che serve per mettersi in proprio, dalle tasse da pagare ai vantaggi che ne derivano e, nel giro di quindici minuti, diventi titolare di un’impresa.