Il Camino de Santiago in Francia

Sebbene molte siano le vie che portano i pellegrini a Santiago de Compostela, uno solo di questi sarà IL Camino de Santiago, ed è il Camino Francés. Ognuno dei tratti francesi, infatti, si unisce direttamente ad una delle quattro antiche vie del camino originale:

la Via Turonensis è il più settentrionale dei percorsi: parte da Parigi ed attraverso Orleans, Tours, Poitiers e Burdeos si unisce alle Vie Lemovicensis e Podiensis, attraversando poi la frontiera spagnola all’altezza di Roncisvalle. Da qui prende il nome di Camino Navarro. Una volta congiuntosi alla via Tolosana, il percorso proseguirà dritto verso Santiago de Compostela, con il nome di Camino Francés.

la Via Lemovicensis deve il nome latino dal suo punto d’origine: Limoges. Partendo dall’Abadía de la Madeleine a Vézelay, attraversa il paese in diverse tappe, raagiungendo la cittadina basca di Ostabat, dove si congiunge alle Vie Turonensis e Podiensis.

– la Via Podiensis (o di Le Puy) parte da Le Puy-en-Velay e, passando per Roncisvalle, si reca direttamente a Santiago de Compostela. Alla Via Podiensis si unisce la Via Gebennensis, che, partendo da Ginevra, raccoglie i pellegrini svizzeri e tedeschi. Da Ginevra a Pamplona le due Vie (Gebennensis e Podiensis) vengono indicate come: “Sentiero pedonale di lunga distanza (GR65)”.

la Via Tolosana è la più meridionale delle quattro Vie. Passa per Tolosa, da cui prende il nome, ma parte da Arles. Superati i Pirenei presso il porto di Somport la Via prende il nome di Camino Aragonés, fino a Puente la Reina, dove si congiunge al Camino Navarro. Da questo punto parte il Camino Francés.

Camino de Santiago in Spagna Santiago de Compostela

Il Camino de Santiago in Spagna

Diverse e numerose sono invece le Vie che congiungono diversi punti della penisola con il Camino de Santiago, ma le principali risalgono all’epoca medievale, ed hanno mantenuto intatto gran parte del fascino originale.

Le più importanti sono:

Caminos de Galicia:

Il Camino de Santiago Portugués del Interior: si tratta di un “cammino” storico, che deve il suo nome al pellegrinaggio dei portoghesi, che entravano in Spagna attraverso vie interne. 143km di percorso, da Verín a Santiago de Compostela, passando per Allariz, Orense, Lalin e Pontevedra.

Il Camino de Santiago Portugués de la costa: una via che da Lisbona, attraverso il fiume Miño (unico punto d’accesso tra le frontiere portoghese e spagnola) passa da Goyán e Tuy, nei pressi di Pontevedra.

Il Camino de Santiago de la Ría de Arosa: una Via storica, conosciuta anche come “Ruta Jacobea Marítima o Ruta Jacobea del Río Ulla”. La tradizione vuole che i discepoli che riportarono le spoglie dell’Apostolo da Gerusalemme abbiano solcato i fiumi Arosa ed Ulloa, ed in effetti la peculiarità di questa parte del Camino de Santiago, sta proprio nell’essere, per un tratto, marittimo-fluviale.

Il Camino de los Ingleses: la via che i pellegrini britannici seguivano una volta giunti ai porti di La Coruña e di F errol.

Il Camino de Finisterre: si tratta di uno dei tratti più antichi del Camino, descritto già nelle cronache del secolo XII. La peculiarità di questo percorso è che a differenza delle altre Vie, la capitale compostelana non è il suo “fine”, ma ne è il punto d’inizio. Infatti, i pellegrini, dopo aver reso omaggio alle spoglie dell’Apostolo, non resistono a visitare il “Campo de las Estrellas”, dirigendosi quindi verso Finisterra. Si tratta di un luogo magico, di riti antichi, di punto di fusione tra divino e pagano, in cui la sensazione di “Finis Terrae” riempie l’atmosfera della Via. Numerose sono le apparizioni mariane che si dice abbiano avuto luogo in questa parte del Camino, le cui pietre – si dice – possiedono poteri magici.

Caminos de Santiago del Norte

La Ruta de la Costa: è il tratto storico più utilizzato dai pellegrini che giungono in Spagna dai diversi porti dell’Europa settentrionale. È in realtà la continuazione del Camino de Soluac, che percorre le terre occidentali della Francia, addentrandosi poi nella Penisola Iberica verso Arzúa, da dove poi procede direttamente verso Santiago de Compostela.

Camino de Santiago Primitivo: un tratto importante, conosciuto anche come Ruta Jacobea Primitiva o Ruta interior del Camino de Santiago del Norte. È questo il tratto che il re Alfonso II percorse per andare a vedere il sito in ci si trovavano i resti dell’Apostolo. Parte da vicino Oviedo, una città che per un certo periodo è stata Capitale del Regno, e che per questo fu uno dei primi punti nevralgici dei pellegrinaggi a Santiago. Quando poi la capitale fu trasferita a León questo tratto di Camino andò perdendo importanza, a favore della Ruta de los Franceses. Uno dei più noti proverbi francesi legati a questo tratto del camino recita : “Quién a santiago de Compostela va en peregrinación y no visita la Catedral de Oviedo, dedicada al Salvador, visita al Siervo y olvida al Señor”.

Camino de Santiago Real: o Camino de San Salvador, è precisamente il tratto che i pellegrini compiono verso Oviedo, per visitare la Cattedrale dedicata al salvatore.

Camino de Santiago Vasco del Interior (o de Bayona): una delle vie principali durante i secoli X e XIII. Durante quei secoli, infatti, le coste settentrionali erano assalite dai Normanni, mentre nel meridione della Penisola la conquista araba era in piena auge. La Via Bayona rappresentava, quindi la via più sicura per i pellegrini cristiani che si dirigevano a Compostela. Alfonso VIII lo nominò parte del Camino Real.

Il Camino de Santiago de la Ruta Vadiniense, Ruta Jacobea por Liébana: si tratta di un percorso che permette ai pellegrini di visitare due dei principali centri di devozione cristiana in Spagna: la Cattedrale di Santiago di Compostela ed il Monastero di San Toribio de Liébana, attraversando la Cordillera Cantabrica dei Picos de Europa. Questo particolare tratto fa sì che questa parte di camino sia conosciuto anche come Camino de Santiago por los Picos de Europa.

peregrinos a santiago de Compostela Santiago de Compostela

Caminos de Santiago de la Vía de la Plata

Si tratta del percorso che condusse i conquistatori musulmani da Siviglia alla città leonesa di Astorga, dove incrocia il Camino Francés e giunge poi a Compostela. È la Via che riunisce tutti i tratti del camino procedenti dal sud.

Camino de Santiago Sanabrés, conosciuto anche come Camino Mozárabe. Dalla località zamorana di Granja de Moreruela, i pellegrini si dirigono, lungo la Via de la Plata, verso le città galiziane di Verìn e Orense per giungere poi a santiago de Compostela.

Caminos de Santiago de Castilla

La Ruta Jacobea de la Lana: non solo uno dei più antichi tratti del Camino, ma una delle più antiche vie commerciali della Peninusla, conosciuto anche come Camino del Cid, il famoso eroe della Letteratura Medievale. Tradizionalmente il pellegrinaggio iniziava presso la località di Monteagudo de las Salinas, che da Burgos si collegava al Camino Francés. Oggi invece si considera che il tratto inizi ad Alicante, da cui parte il camino de Santiago de Levante.

Di particolare importanza storica è la Ruta de los Mozárabe: si tratta infatti di un fondamentale crocevia commerciale medievale, che si trova al centro della Penisola Iberica. Il tratto copriva la capitale del regno arabo Al-Andalus (attuale Andalusia) con le principali città dell’interno della Penisola. Questa parte di Camino copre infatti quasi tutte le principali città del sud della Spagna: Almeria, Granada, Cordoba, Jaen, Merida. Tanta era l’importanza di questo tratto che nella parte che unisce Cordoba a Granada viene affiancato ad una Ruta Cultural conosciuta come Ruta del Califato.