L’arte del torear

“Chi non ha visto una corrida d’El Puerto de Santa María non sa che cos’è una corrida di toro”. (Joselito, celebre torero). Quando si pensa alla corrida vengono in mente Siviglia e Sant Isidro a Madrid, le due piazze principali per gli appassionati di tauromachia. El Puerto è la terza piazza più importante in Spagna e dalla primavera, e per tutta l’estate, passano dalla sua Arena le star dell’arte del torear.

Premesso che tutta la simpatia va al toro, che comunque in una corrida va incontro a una morte certa – e sulla giustezza di questa tradizione il dibattito in Spagna è aperto, con alcune Comunità Autonome che hanno abolito la pratica, come Catalunya – non bisogna dimenticare alcune cose. Se si abolissero definitivamente le corride, questa razza di tori bravos (feroce, indomito) si estinguerebbe. Questi animali sono il frutto dell’intervento dell’uomo che nei secoli ha selezionato quelli più capaci e adatti a battersi in un’arena. L’allevamento degli animali ha lo scopo ultimo di creare tori da combattimento. Il bravo, rispetto agli altri animali addomesticati, fà una vita felice per 4 o 5 anni, libero nei campi. Se si attraversa in macchina l’Andalusia, come mi è capitato, stupisce di vedere immensi prati, pieni di tori (animali semi-selvaggi) all’ombra di alberi o intenti a pascolare. Il destino della maggiore parte di essi sarà, sicuramente, la “messa a morte” dal parte del torero, dopo essere stati fiaccati dal picador (a cavallo) e dai banderilleros. Assistere a una corrida in Andalusia, è comunque un’esperienza quasi mistica che, da qualche parte, fa capire quello che può far scattare la scintilla degli aficionados (ancora numerosi in Spagna).

L’Arena d’El Puerto è veramente spettacolare, uno de luoghi più affascinanti di Spagna. Un recinto che ha una capienza di 12.000 persone … e vederlo pieno di gente che emette all’unisono “olé” quando un uomo nel centro del cerchio trascina il toro in una danza mortale, dà i brividi. È il pubblico, comunque, che decreta, assieme alla giuria, se il torero “merita le orecchie del toro” (il trofeo); ovvero se il toro sia stato ucciso senza inutile sofferenza e se il torero sia stato “bastante valiente”.

Oggi, come Messi, Piqué, Totti, Beckham … stanno al calcio, Morante de La Puebla, José Maria Manzanares, Cayetano Rivera Ordóñez, Enrique Ponce, Miguel Ángel Perera, Juliàn López, Juan Del Àlamo, Vìctor Barrio, Pablo Hermoso De Mendoza … stanno alla corrida.

Breve lessico della tauromachia (l’arte di affrontare il toro)

Ganaderia: allevamento di tori bravi, tenuto per un ganadero

Tienta: è la prova che si fa fare a torelli e vacchette per la selezione

Matador: il torero, il cui compito è uccidere il toro, secondo le regole della tauromachia

Novillero: giovane matador, uccide tori di meno di 4 anni

Toreo: è l’arte del torero

Rejoneador: torero a cavallo

La corrida si organizza in tre tercios (terzi): picador (a cavallo), banderilleros (a piedi) e messa a morte da parte del torero con lo spettacolo de la muleta (il drappo colorato) e la stoccata finale.

E per finire i versi di Rafael Alberti

Al Puerto nacque (da una famiglia italiana), visse – fino all’esilio in Argentina (24 anni) e in Italia (14 anni) – e ritornò a vivere con la fine del franchismo un grande poeta: Rafael Alberti.

costa de la luz

Qui si trova la sua casa natale trasformata in fondazione. Comunista e antifascista, durante la guerra civile, Rafael Alberti ha riempito con i suoi versi pagine importanti della poesia contemporanea. Membro della “generazione dei 27”, è considerato uno dei maggiori letterati spagnoli, che elesse Roma come sua dimora nel periodo del suo esilio politico. Tra le opere più importanti: Marinero en Tierra, Sobre los Ángeles, Cal y Canto y Sermones y Moradas.

Se la mia voce morisse in terra, la porterai a livello del mare … Cantava il poeta in esilio, ricordando con nostalgia El Puero natale. Alberti morì comunque vicino al mare nella sua città nel 1999. La sua casa è oggi una fondazione e un museo, che si possono visitare.

I siti:

www.elpuertodesantamaria.es

www.turismoelpuerto.com/index.php?page=638

www.rafaelalberti.es

Di Paola Grieco