Alcalá del Valle (Cadiz)

Le prime notizie relative ad Alcalá del Valle, nella provincia di Cadiz come pueblo risalgono al XV secolo (sebbene il territorio circostante fosse già abitato da secoli), quando dopo la conquista cristiana di Setenil de Las Bodegas nel 1484, una parte della popolazione musulmana decise di rimanere a vivere in territorio cristiano.

Con una formale richiesta alla Corte la popolazione musulmana chiedeva di potersi stabilire in una parte del pueblo, dove poter mantenere la propria religione, le proprie tradizioni e stile di vita. Quando i Re Cattolici accettarono, circa 25 famiglie arabe si stabilirono nel luogo allora chiamato El Castillón – dove anticamente sorgeva un piccolo forte. La costruzione del nuovo paese prese il nome di Al-Kalat (Alcalá, che in arabo significa, appunto, “Il Forte”, ndr). La posizione elevata, militarmente strategica, causò non poche guerriglie tra la popolazione araba e quella cristiana, fino al punto che i cristiani presero possesso del pueblo, e gli arabi costruirono il loro nuovo insediamento più a valle.

Nel 1559, la Corona di Spagna, fortemente indebitata per le spese di Guerra sostenute dalla Corte di Filippo II, mette in vendita terre e possedimenti (con tanto di popolazione !), tra cui Alcalá, che venne acquistata dall’Arcivescovo di Siviglia ed Inquisitore Hernando Valdés per 1.537.000 maravedì. Dopo solo un anno Alcalá passò ad essere territorio del Governatore della città di Burgos, Diego Bernuy. Alcalá rimase di proprietà della famiglia Bernuy (divenuti poi marchesi), fino alla fine del secolo XVIII, con la fine delle signorie spagnole. La popolazione di Alcalá iniziò quindi una battaglia legale per recuperare il proprio territorio, dirigendosi alla Cancelleria Reale di Granada nel 1763 e denunciando i soprusi subiti durante il marchesato Bernuy. Granada diede ragione al popolo, e dietro pagamento di 11.000 reales i cittadini di Alcalá tornarono in possesso delle proprie terre, pur rimanendo sudditi della Corona. Il nome di Alcalá del Valle viene ufficializzato nel 1770.

Le problematiche legate all’indipendenza dell’Andalusia Rurale, comunque resero le cose difficili per tutti questi territori nei secoli successivi (XIX e XX).