Herrera de Soria (Soria): Questo piccolo paese (14 abitanti e 26km2) si trova all’interno del Parco Naturale del Río Lobos, e a ricchezza di flora e fauna sono davvero impareggiabili. Il primo censimento cittadino, risalente al 1776 include Herrera nella provincia di Castilla la Mancha, e conta ben 249 abitanti, scesi a 185 dopo la caduta dell’Antico Regime. La storia di Herrera de Soria è legata al monte del parco di cui fa parte, una storia piuttosto travagliata: nel secolo XIX il monte era di proprietà della città, ma con la Desamortización di Mendizábal (un lungo processo economico che metteva all’asta i beni improduttivi del territorio, quasi sempre di proprietà della chiesa o di famiglie nobili, con l’intento di creare una classe di lavoratori – proprietari ndr) venne messo all’asta. I cittadini dovettero pagare per riavere i propri terreni. La Giunta che gestisce oggi il Monte Pinar de Herrera de Soria è la prima in Spagna costituitasi per tutelare una proprietà privata.

Allueva (Teruel): Nella valle di Cañallueva, che segue parallelamente la Sierra di Cucalón, si trova questo paesino di soli 15 abitanti. Riferimenti storici di Allueva risalgono alla battaglia di Cutanda (1120), tra Alfonso I ed il Principe Arabo Ibrahim ibn Yusuf, vinta dai cristiani. Il 25 e 26 Agosto si celebra la festa di San Luigi, in onore del devoto Re Francese, crociato durante la VI e la VII crociata.

Reinoso (Burgos): Il secondo paese più piccolo della provincia di Burgos (8,51km2 e solo 13 abitanti) deve il suo nome al fatto che la zona è sempre stata popolata da orsi (reino > regno – oso > orso). Nelle vicinanze del paese sono stati ritrovati diversi Dolmen, che sembrano appartenere all’epoca Visigota.

Tordelràbano (Guadalajara). 11km2 e soli 10 abitanti formano il paese di Tordelràbano, nella comunità di Castilla – La Mancha. Tordelràbano forma parte della celebre Ruta de Don Quijote, il percorso che portò il famoso hidalgo a Barcellona: la leggenda racconta che proprio qui il cavaliere abbia riposato per almento una notte.

Torremontalbo (La Rioja): Questo piccolo paese situato lungo le sponde del fiume Najerilla ha una popolazione di soli 14 abitanti, che vivono in soli 8,47km2. Il primo riferimento scritto a Torremontalbo risale al XI secolo, quando il paese fu donato dal Signore di Acenarias al Monastero di San Millàn de la Cogolla, anche se alcuni ritrovamenti fanno pensare a Torremontalbo come ad una vera e propria cittadella di origine romana. Il paese è passato poi ai Conti di Hervià, che nei secoli XIV e XV costruirono le torri fortificate ancora oggi visibili.

Valtablado del Rio (Guadalajara): Caratteristico paese della provincia di Guadalajara, situato per gran parte della sua superficie (25km2) all’interno del Parco Naturale dell”Alto Tajo. Solo 12 abitanti vivono in questo luogo immerso nella natura, che vanta una chiesa parrocchiale risalente al XVI secolo.

Zarzosa (La Rioja): La storia di Zarzosa (18,29km2 per soli 12 abitanti) parte dal 1366, quando venne ceduto, assieme ad altri territori reali, da Enrico II di Castiglia a Juan Ramirez de Arellano per ringraziarlo dell’appoggio nella guerra contro Pietro I di Castiglia – detto “il crudele”. Nell’epoca delle Signorìe zarzosa appartenne ai Conti De Aguilar e successivamente agli Inestrillas, ma nel 1708 il paese si rese indipendente, pagandola propria libertà ben 8500 reales. Dopo la sparizione delle signorìe, nel 1811 Zarzosa divenne cittadina appartenente al la provincia di Soria, fino alla creazione della Provincia di Logroño nel 1833.

Diletta Fraizzoli