Ti manca l’Italia?

No, ma non per motivi di ripicca o altro; per lavoro passo ancora moltissimo tempo in Italia per seguire clienti e progetti che, da quando sono un”azienda estera, “magicamente” si sono moltiplicati perché si sa, quando arrivi da fuori, anche se sei sempre la stessa persona, sei percepito come un “guru”… 😉

In questo triste periodo, la fuga dall’Italia è prerogativa di tanti. Cosa vorresti dire a chi vorrebbe farlo, ma è frenato da mille paure ?

Ovviamente consiglierei a tutti di NON PORSI LIMITI, perché la vita ne porrà già di suo, quindi quelli che ci poniamo da soli sono “in più” e ne possiamo tranquillamente fare a meno; se si profonde impegno ed attenzione in ciò che si fa, difficilmente si incontreranno ostacoli insormontabili. Detto questo ovviamente, consiglio di non partire “all”avventura”, perché una facciata a mille km da “casa” è pesante, ed è necessario domandarsi cosa si può e si è disposti a fare, quale competenza si può spendere nel Paese di destinazione ed in base a questo, va orientata la scelta della destinazione, dell”attività e dei contatti da ricercare. Il motto che mi accompagna da tutta la vita è “rem tene, verba sequentur” (se conosci ciò di cui parli, le parole seguiranno), che io reinterpreto in maniera un po” libera con “se ti assicuri di sapere ciò che fai, i risultati arriveranno”.

 A cura di Nicole Cascione